DATI_CNOSFAP_Grafica

Formazione Professionale: Salesiani e CNOS FAP

Formazione Professionale: Salesiani e CNOS FAP

Con l’inizio dell’anno formativo i migliori auguri delle cariche istituzionali, che l’Associazione CNOS-FAP Regione Piemonte ha provveduto a rinnovare il 16 settembre scorso.

DON ENRICO STASI

Don Enrico Stasi – Ispettore dei Salesiani Piemonte e Valle D’Aosta

Le dichiarazioni di Don Enrico Stasi, presidente:
“I salesiani nel mondo sono conosciuti principalmente per la capacità di formare dei lavoratori. In qualunque continente don Bosco è conosciuto soprattutto grazie alla formazione professionale. E non può che essere così: don Bosco sin dall’inizio della sua opera (170 anni fa!) ha voluto “insegnare un mestiere” proprio perché la possibilità di un lavoro dà dignità alla persona e la fa crescere in modo equilibrato e sano, anche moralmente.

Nelle Costituzioni dei salesiani i giovani del mondo del lavoro sono i primi presi in considerazione con queste parole: “I giovani degli ambienti popolari che si avviano al lavoro e i giovani lavoratori spesso incontrano difficoltà e sono facilmente esposti ad ingiustizie. Imitando la sollecitudine di don Bosco, ci rivolgiamo ad essi per renderli idonei ad occupare con dignità il loro posto nella società e nella Chiesa e a prendere coscienza del loro ruolo in vista della trasformazione cristiana della vita sociale”.

I Salesiani nel tempo hanno svolto questa missione in aderenza con le normative civili e le possibilità che le legislazioni offrivano. Da quarant’anni in Italia e in Piemonte operano in questo campo attraverso il CNOS-FAP. Sono stati 40 anni di grandi trasformazioni del mondo della formazione a cui i Salesiani, grazie all’azione associativa, sono sempre stati in grado di rispondere con efficacia e spesso anche con chiaroveggenza. Questo percorso è stato il frutto di una grande sinergia tra le risorse dei consacrati e le sempre più risorse laicali che con competenza, professionalità e passione hanno cercato di essere fedeli al carisma originario di don Bosco. Questa è stata la nostra forza in questi primi quarant’anni e lo sarà anche per il futuro sempre ben radicati nelle intuizioni delle origini e insieme aperti all’innovazione e ai cambiamenti che le leggi e la struttura sociale richiederanno.”

Lucio Reghellin

Lucio Reghellin – Direttore Generale CNOS-FAP Piemonte

Le dichiarazioni dell’Ing. Lucio Reghellin, direttore generale:
“L’Associazione CNOS-FAP Piemonte sta oltrepassando il traguardo dei 40 anni avendo iniziato la sua attività il 28 giugno 1978. Il primo nucleo era composto da 9 CFP (Centri di Formazione Professionale) con un minimo coordinamento regionale. L’attività formativa per i giovani dopo la scuola media era svolta nell’ambito industriale, principalmente in tre settori professionali: meccanica industriale, elettro/elettronica e grafica. Nello sviluppo della sua attività, il CNOS-FAP ha istituito un coordinamento regionale più forte, ha aperto altre sedi operative che oggi sono complessivamente 15, ha diversificato la sua proposta formativa ampliando i settori professionali anche in ambito artigianale e dei servizi: si va dalla carrozzeria alla termoidraulica, dai servizi alla persona agli operatori di cucina/sala bar.

Il servizio del CNOS-FAP in questi anni si è diretto anche ad altri destinatari, pur rimanendo i ragazzi/e in Obbligo di Istruzione i destinatari privilegiati: si sono attivati corsi di qualifica per adulti disoccupati, di aggiornamento per i lavoratori, di accompagnamento per le fasce più in difficoltà.

Intenso è stato lo sforzo che l’Associazione ha dovuto fare per rimanere fedele alla propria missione di fronte alle continue evoluzioni della legislazione, delle norme europee e nazionali. Possiamo affermare che sono stati pochi gli anni che non ci hanno chiesto un aggiornamento, una nuova progettazione, un cambio dei nostri modi di agire. Questo ha creato qualche momento di difficoltà ma ha abituato l’Ente a non stare fermo cercando di trovare le proposte migliori per rispondere alle richieste degli utenti e degli enti finanziatori.

Lo statuto pone tra gli scopi dell’Associazione anche quello dell’orientamento: molto si è fatto in questo ambito per avviare i giovani alla vita ma è soprattutto in questi ultimi anni che si sono rafforzati i servizi al lavoro con l’obiettivo di accompagnare le persone nel mondo del lavoro.

La qualità del servizio svolto in questi 40 anni ci viene riconosciuto da molti: questo ci incoraggia e ci spinge ad affrontare con coraggio le sfide future, rimanendo fedeli allo spirito del nostro fondatore, don Bosco.”

Il nuovo Consiglio Direttivo augura a tutto il personale dell’Associazione, agli allievi e alle loro famiglie un proficuo anno formativo.